VIGNETI APERTI, ENOTURISMO ALL’ARIA APERTA

Facebooktwittermail

“Vigneti Aperti”: il nuovo format del Movimento Turismo del Vino Lombardia debutterà sabato 20 e domenica 21 giugno nelle aziende vitivinicole. A tenere a battesimo l’iniziativa saranno Carlo Pietrasanta, animatore dell’accoglienza in cantina dal 1993, produttore di vino a San Colombano e nume tutelare dell’enoturismo italiano insieme a Lucilla Ortani, organizzatrice di eventi e direttrice di MTV Lombardia. Pronto al lancio il nuovo format che promuove le attività enoturistiche prediligendo gli spazi all’aria aperta delle aziende vitivinicole, in primis, i protagonisti indiscussi dell’affascinante mondo del vino: i vigneti. Nessun virus e nessun distanziamento può fermare la voglia di accogliere in sicurezza del mondo del vino, della ristorazione e dell’agroalimentare italiano.
Sarà un ritorno alle campagne e al turismo di prossimità. “Le Cantine hanno immensi spazi di accoglienza a cielo aperto di cui usufruire: i vigneti” spiega Maurizio Pescari, giornalista, fra gli ideatori dell’iniziativa. “Per conoscere ed apprezzare un buon vino bisognerebbe prima di tutto concedersi una passeggiata in vigneto”, dice Giovannella Fugazza, titolare dell’azienda Castello di Luzzano, ci-“Vigneti Aperti”: il nuovo format del Movimento Turismo del Vino Lombardia spiegato nell’intervista formato podcast da Carlo Pietrasanta, animatore dell’accoglienza in cantina dal 1993, produttore di vino a San Colombano e nume tutelare dell’enoturismo italiano. Pronto al lancio il nuovo format che promuove le attività enoturistiche prediligendo gli spazi all’aria aperta delle aziende vitivinicole, in primis, i protagonisti indiscussi dell’affascinante mondo del vino: i vigneti. Nessun virus e nessun distanziamento può fermare la voglia di accogliere in sicurezza del mondo del vino, della ristorazione e dell’agroalimentare italiano. Sarà un ritorno alle campagne e al turismo di prossimità. “Le Cantine hanno immensi spazi di accoglienza a cielo aperto di cui usufruire: i vigneti” spiega Maurizio Pescari, giornalista, fra gli ideatori dell’iniziativa. “Per conoscere ed apprezzare un buon vino bisognerebbe prima di tutto concedersi una passeggiata in vigneto”, dice Giovannella Fugazza, titolare dell’azienda Castello di Luzzano. “Volete mettere un brindisi in vigna? Avrà un valore straordinario, sarà una iniezione di entusiasmo per tutti e darà il via alla tanto attesa ripresa, dopo mesi davvero difficili”, spiega Luigi Negri de La Guarda Agriturismo in Cantina. Questi pensieri sono stati ben rappresentati dalla nuova immagine divenuta brand della manifestazione, per mano dell’illustratore acquarellista lomellino Max Di Battista. Si apre un cancello che da accesso ad una vigna. La mano di donna rappresenta la cultura del vino. Degustando dal calice, attraverso i profumi del vino si ritroverà il grappolo e il vigneto da cui origina. Info:
www.mtvlombardia.itsegreteria@mtvlombardia.com.