MURI IMBRATTATI A VOGHERA, LA CONDANNA UNANIME DELLA POLITICA

Facebooktwittermail

Le forze dell’ordine sono già al lavoro per individuare i vandali che la scorsa notte hanno deturpato alcune mura di Voghera (tra cui la Chiesa di San Rocco e l’ex casello di Porta Garibaldi) con frasi indecorose. In molti, sui vari social, stanno già commentando dando la colpa a certe aree politiche che conducono una campagna elettorale sempre più aggressiva. Se un abitante della provincia di Pavia, in effetti, facesse un giro a Vigevano (anche nella città ducale il 20 e il 21 Settembre i cittadini saranno chiamati alle urne) e poi a Voghera noterebbe una differenza di civiltà politica abissale. Il rispetto dovrebbe essere sempre alla base di qualsiasi dialogo e modo di porsi nei confronti della cittadinanza, anche di chi la pensa diversamente. Ma spesso purtroppo questo non avviene, soprattutto a Voghera, caduta in questi giorni in uno spettacolo indecoroso, iniziato dal balletto di alcuni assessori ed esponenti politici da una coalizione all’altra (come se i cittadini fossero stupidi), per poi trascendere nella caccia al pubblico in piazza per alcuni comizi, chi indossava e chi no la mascherina, per non parlare degli insulti sessisti, delle pesanti accuse tra ex colleghi di partito sui social…ed ora l’imbrattamento di alcuni muri di edifici in città. Dove è finito il senso del bene comune? Dove è finita la lealtà in politica? Bene ha fatto chi ha subito preso le distanze da certi gesti. E c’è anche chi, in tutto questo immondezzaio, se la è presa anche con noi di Pavia Uno Tv, che tutti i giorni, puntualmente, ormai da fine Luglio, con la rubrica “Protagonisti” di Emanuele Bottiroli, diamo spazio a tutte e sei le liste, dai candidati sindaci ai consiglieri che vogliono farsi conoscere. Ma quando “osiamo” avanzare critiche su certi comportamenti e prenderne le distanze, veniamo anche attaccati con telefonate minacciose ed intimidatorie (da parte di noti esponenti di una lista), delle quali abbiamo subito messo a conoscenza le autorità competenti. Ecco perché non si può derubricare quello che sta succedendo in questi giorni a Voghera con un “Ma sì, tanto sono solo quattro coglioni..”. No, qui c’è di più. Urge un cambio di rotta, non basta una condanna unanime politica per evitare di rovinare gli ultimi giorni di una campagna elettorale che sta raschiando davvero il fondo del barile. Lo ripetiamo: Voghera merita di più. Isoliamo chi vuole gettare veleno e condanniamo tutti insieme la gravità di questi gesti. Le forze dell’ordine provvederanno al resto. Sono atti che non hanno colore politico, se non quello dell’ignoranza che genera odio. Ma non si possono giustificare, perché non c’è mai giustificazione alla violenza. Anche a colpi di bomboletta spray.

#cronaca #voghera #muri #imbrattati #spray #vandali #violenza #odio #campagnaelettorale #elezioni2020 #paviaunotv #itinerarinews #diegosocialmediajournalist