CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTO 23-03 ORE 19

Facebooktwittermail

40B75E5F-5B21-4034-962D-7056EF1A2E19SECONDO CALO DI CONTAGI E VITTIME. DIMESSO PAZIENTE 1 DAL POLICLINICO DI PAVIA. ISS: NON ABBASSARE LA GUARDIA, ORA DOBBIAMO FARE IN MODO CHE I POSITIVI O I SOSPETTI NON TRASMETTANO IL VIRUS A CHI LI CIRCONDA. DOMANI INIZIA SPERIMENTAZIONE FARMACO AVIGAN E VIA IN LOMBARDIA A TEST TEMPERATURA PER MEDICI E INFERMIERI (tutte le notizie anche sul sito diegobianchinews.it @copyright – vietata riproduzione)
Per il secondo giorno consecutivo si registra una flessione dei numeri più critici, quelli legati al numero dei malati e delle vittime da coronavirus. Si tratterebbe dei primi effetti delle misure più restrittive entrate in vigore l’8 marzo. Ma – avvisano i medici – dobbiamo sempre rispettare con rigore le norme in tutto il paese. Non è il momento di cantare vittoria.
PROTEZIONE CIVILE – Secondo la Protezione civile sono 50.418 i contagiati (+3.780 rispetto a domenica), 6.077 le vittime (+601) e 7.432 i guariti (+408). Sale a 24 il numero dei medici deceduti per l’epidemia di Covid-19 in Italia. In corso un piano di potenziamento di strutture anche al Sud. Sono oltre 25,5 i milioni di euro raccolti sul conto corrente del Dipartimento della Protezione civile nel giro di pochissimi giorni” per far fronte all’emergenza.
ISS: Mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di una pandemia che sta accellerando in tutto il mondo, qui in Italia il Prof. Brusaferro, dell’Istituto Superiore di Sanità, spiega che ora è necessario isolare gli asintomatici. E’ importante sperimentare ed essere trasparenti sulla sperimentazione dei nuovi farmaci. Da domani parte quella di Avigan, un antivirale. Ma non creiamo false aspettative, si studierà l’impatto sul farmaco. Poi lancia un avvertimento: Nel sud Italia “si vedono ancora strade piene di gente e situazioni che non vediamo negli altri contesti”.
LOMBARDIA – “Ieri eravamo moderatamente ottimisti. Avevamo detto che il trend in calo e oggi si conferma. Oggi forse è la prima giornata positiva di questo mese duro, durissimo. Non è ancora il momento di cantar vittoria e rilassarci, una luce in fondo al tunnel la vediamo”. Lo ha detto l’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera. Sono 28.761 i positivi in Lombardia, con un aumento di 1.555 nelle ultime 24 ore. I ricoverati sono 9.266: è la prima volta che il dato cala dall’inizio dell’emergenza, con una riduzione di 173 pazienti in ospedale rispetto a ieri. I decessi sono 3.776, più 320 rispetto a ieri, il giorno prima erano stati 361.
Ecco i dati per provincia in ordine alfabetico: Bergamo 6.471 (+255), Brescia 5.905 (+588), Milano 5.326 (+230), Cremona 2.925 (+30), Lodi 1.817 (+45), Pavia 1.444 (+138), Monza Brianza 1.130 (+22), Mantova 985 (+80), Lecco 934 (+62), Como 581 (+69), Varese 421 (+35), Sondrio 208 (+3), più 614 casi in corso di verifica.
TEST TEMPERATURA – Da lunedì 23 marzo scatta la nuova disposizione regionale per strutture sanitarie, Rsa e case di cura in Lombardia. Tampone obbligatorio se la febbre è oltre 37.3. Se il tampone sarà positivo scatterà l’allontanamento dal luogo di lavoro e la sospensione dell’attività. Sono partiti in alcune catene di supermercati in Lombardia i controlli all’ingresso con termoscanner per misurare la febbre ai clienti, come “raccomandato” dall’ordinanza regionale firmata sabato dal governatore Attilio Fontana.
PAZIENTE 1 – E’ stato dimesso dal San Matteo di Pavia Paziente 1, il 38enne di Codogno ritenuto il primo caso accertato di coronavirus in Italia. Mattia, questo il suo nome, la sera del 19 febbraio era stato ricoverato nel presidio ospedaliero della cittadina del Lodigiano per poi essere trasferito tra il 21 e il 22 in condizioni disperate nella rianimazione dell’ospedale pavese. Lo scorso 9 marzo ha cominciato a respirare autonomamente. “Io sono stato fortunato, state a casa, ora chiedo ai media di essere lasciato tranquillo. Da questa malattia si può guarire, devo dire grazie ai medici che mi hanno concesso tornare a vivere”, ha detto in un video trasmesso da Lombardia Notizie.
ENAC: Via libera all’impiego di droni per “le operazioni di monitoraggio degli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale” da parte delle Polizie locali. Lo prevede una disposizione dell’Enac – valida fino al 3 aprile – che consente di derogare ad alcune norme del regolamento sugli aerei a pilotaggio remoto, “nell’ottica di garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica Coronavirus”.
PRIMI SCIOPERI – L’ultimo decreto varato dal Governo che restringe il numero di imprese che possono restare aperte continua a dividere il mondo del lavoro. Già oggi da Nord a Sud sono partiti i primi scioperi all’interno delle aziende. Mercoledì sciopero di 8 ore dei metalmeccanici in Lombardia.
VINITALY – Dopo l’iniziale rinvio a giugno, il cda di Veronafiere ha deciso di annullare l’edizione 2020 del Vinitaly. La grande rassegna del vino non si terrà quest’anno, ma è stata posticipata al 2021, dal 18 al 21 aprile.
RICAPITOLIAMO: ALIMENTARI E FARMACIE SEMPRE APERTI, NIENTE ASSALTO AI SUPERMERCATI. SI ESCE SOLO PER NECESSITA’ DI LAVORO, DI SALUTE, PER FARE SPESA. DIFFONDIAMO SOLO NOTIZIE CERTE, EVITIAMO PSICOSI E DIFFIDIAMO DA CHI SUI SOCIAL SPARGE NOTIZIE CHE NON ARRIVINO DA REGIONE, PREFETTURA, PROTEZIONE CIVILE O GOVERNO.
Ecco i numeri utili: 1500 (Ministero Salute), 800894545 (nuovo numero verde di Regione Lombardia) e 112 (di emergenza, da non intasare se non strettamente necessario). ⚠Policlinico San Matteo Pavia⚠ Attivo numero di informazioni Covid19 dalle 8.00 alle 20.00. Info:0382.501804.