AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS 30-06 ORE 20

Facebooktwittermail

142 CONTAGI E 23 VITTIME, MONDRAGONE ZONA ROSSA FINO AL 7 LUGLIO. GIA’ A NOVEMBRE 110 CASI DI POLMONITE IN VAL SERIANA. IN LOMBARDIA ESENZIONI PER ESAMI E VISITE PER CHI HA AVUTO IL COVID (tutte le notizie su diegobianchinews.it @copyright)
MINISTERO DELLA SALUTE – In Italia si sono registrati 142 nuovi contagi (ieri erano 126), 62 dei quali in Lombardia, e 23 vittime (ieri 6) di coronavirus (4 in Lombardia) rispetto a Lunedì. Lo ha riferito la Protezione civile, secondo cui sono guariti altri 1.052 pazienti. Trenta le persone in meno sono ricoverate negli ospedali: 1.090 in tutto, mentre le terapie intensive scendono di 3 unità (93 in totale). Le persone in isolamento domiciliare sono 14.380. Sette le regioni senza nuovi casi: Marche, Trentino Alto Adige, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Basilicata e Molise. In aumento i tamponi effettuati: 48.273 in un giorno. Intanto la Camera ha approvato il decreto che autorizza uno screening di massa attraverso test sierologici per scoprire quanti hanno contratto il virus pur risultando asintomatici. A Mondragone (Caserta) prorogata la zona rossa per l’area ‘Palazzi ex Cirio’ fino al 7 Luglio.
REGIONE LOMBARDIA –I nuovi casi positivi sono 62 (di cui 8 a seguito di test sierologici e 13 ‘debolmente positivi’), 821 i guariti/dimessi e 4 i decessi. In tutto da inizio epidemia sono stati 93.901 i contagi ufficiali in regione, 64.745 i guariti e 2.412 i dimessi e 16.644 i morti. Dei malati, ad oggi 42 sono in terapia intensiva (-1) e 297 ricoverati non in terapia intensiva (-24), 9.721 in isolamento domiciliare. Sono stati effettuati 6.117 tamponi (1.036.548 da inizio epidemia). Ecco i dati per province: Milano 23 nuovi contagi di cui 6 a Milano città, Bergamo 5, Brescia 6, Como 0, Cremona 2, Lecco 1, Lodi 1, Mantova 15, Monza e Brianza 3, Pavia 1, Sondrio 0, Varese 3.
ESENZIONE ESAMI IN LOMBARDIA – Così l’assessore al welfare Giulio Gallera ha annunciato esenzioni per esami e visite per i cittadini lombardi che hanno avuto il Covid: “Le esenzioni per le attività di follow up post covid avranno il codice regionale di esenzione D97. E riguardano in particolare le visite infettivologiche, pneumologiche, cardiologiche, neurologiche, fisiatrica ed ematologica con gli esami diagnostici ad esse collegate. Sono inclusi anche i colloqui psicologici/clinici particolarmente importanti per molte persone colpite da coronavirus. Le misure adottate oggi, inoltre, rendono totalmente rimborsabile il tampone eseguito a seguito di positività anche a test sierologico privato (quelli a seguito di attività di screening regionali sono sempre a carico del fondo sanitario), qualunque sia l’esito del tampone stesso”. Il rimborso del costo del tampone avverrà direttamente alla struttura che effettua il test. Nei prossimi giorni, in Provincia di Lodi si attiva un’ulteriore importante campagna di screening sierologico. Che prevede la realizzazione di prelievi ematici ai cittadini che ancora non l’avevano eseguito”.
VAL SERIANA – Il coronavirus circolava ampiamente in Val Seriana, nel bergamasco, già a Novembre del 2019: è la novità che emerge dall’inchiesta della Procura di Bergamo che indaga sulla mancata istituzione della zona rossa, oltre che sul caso delle Rsa e sulla chiusura e riapertura dell’ospedale di Alzano. L’epicentro dei contagi era la stessa Alzano Lombardo: alla fine del 2019 erano già una quarantina le persone ricoverate per il virus che era ancora sconosciuto.
UE – Da Mercoledì 1 Luglio l’Unione Europea riapre le sue frontiere esterne a 15 Paesi: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay e Cina (quest’ultima a condizione di reciprocità). Restano fuori dall’elenco Russia e Stati Uniti. L’Italia sceglie però la linea della prudenza e mantiene in vigore l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai Paesi extra-Schengen.
ATTENZIONE: DAL15 GIUGNO IN CORSO LA FASE 3. LA MASCHERINA DEVE COPRIRE NASO E BOCCA, OBBLIGATORIA ANCHE ALL’ESTERNO IN LOMBARDIA FINO AL 14 LUGLIO. UTILIZZATE SEMPRE IL DISTANZIAMENTO DI ALMENO UN METRO DALLE PERSONE, EVITANDO LUOGHI AFFOLLATI. LA NUOVA “NORMALITA’” VERRA’ VINTA CON IL SENSO DI RESPONSABILITA’ DA PARTE DI TUTTI!!! DIFFONDIAMO SOLO NOTIZIE CERTE!!! #emergenza #coronavirus #fase3 #ripartelitalia #restiamoadistanza #nofakenews #paviaunotv #itinerarinews #agenziacreativamente