AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS 16 SETTEMBRE

Facebooktwittermail

1452 NUOVI POSITIVI CON 100.000 TAMPONI. VACCINO OXFORD: A NOVEMBRE PRIME DOSI PER L’ITALIA SE TEST OK (Tutte le notizie su diegobianchinews.it @copyright, siti e social di Itinerari News e Pavia Uno Tv)
MINISTERO DELLA SALUTE – Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.452 nuovi casi di positività al Covid-19, a fronte di un deciso aumento dei tamponi: 100.607 rispetto agli 80mila di Martedì. In leggero aumento i ricoveri in terapia intensiva (+6). I morti a causa del coronavirus nell’ultima giornata sono 12. Gli attualmente positivi hanno superato i 40mila, siamo ai livelli di inizio Giugno. Gli attualmente positivi al Covid-19 sono ora 40.532, di questi 38.040 si trovano in isolamento domiciliare, 2.285 sono ricoverati con sintomi e 207 sono in terapia intensiva. Il numero complessivo dei contagiati sale dunque a 291.442, mentre quello dei dimessi e guariti è di 215.265, 620 più di ieri. Nessuna regione ha fatto registrare zero casi.
REGIONE LOMBARDIA – Con 17.831 tamponi effettuati in Lombardia sono stati diagnosticati 159 nuovi casi Covid-19 (0,89%): di questi nuovi casi, 18 sono stati classificati come debolmente positivi e 9 sono emersi a seguito di test sierologico. Sono poi 152 i guariti/dimessi nelle ultime 24 ore, 2 i nuovi decessi. Sono ricoverati in terapia intensiva 30 pazienti (+1), 264 negli altri reparti (+1). Nessun contagio a Sondrio. Da inizio epidemia sono stati effettuati in regione 1.868.154 tamponi, grazie ai quali sono stati identificati 103.799 malati Covid-19. Di questi 78.090 sono stati dimessi (1.388 dimessi) o sono guariti (76.702), mentre 16.905 persone sono morte. I dati per province: Milano: 60, di cui 24 a Milano città; Bergamo: 4; Brescia: 14; Como: 2; Cremona: 2; Lecco: 2; Lodi: 14; Mantova: 10; Monza e Brianza: 15; Pavia: 6; Sondrio: 0; Varese: 13.
VACCINO OXFORD – “I primi 2-3 milioni di dosi del vaccino anti Covid dovrebbero arrivare all’Italia entro la fine di novembre se la sperimentazione in corso procederà positivamente”. Così Piero di Lorenzo, presidente della Irbm, l’azienda di Pomezia che ha collaborato con lo Jenner Institute della Oxford University per la messa a punto. Se la sperimentazione proseguirà come previsto, dunque, “sarà rispettata la tempistica annunciata dal ministro della Salute”. La sperimentazione del vaccino è ripresa dopo la temporanea sospensione dovuta ad una reazione avvera su uno dei 50mila volontari che stanno prendendo parte ai test. Il volontario era stato colpito da un’infiammazione spinale, la mielite acuta trasversa, che consiste in un’infiammazione in uno o più segmenti adiacenti del midollo spinale. Il comitato di esperti indipendenti che ha esaminato la questione ha però stabilito in pochi giorni che tale reazione non era collegata all’inoculazione del candidato vaccino.
MORTI – C’è un dato interessante, derivante dai resoconti dei bollettini del Ministero della Salute che da Marzo ci aggiornano sul numero di contagi, ricoveri e morti: riguarda la probabilità di morte per i pazienti che finiscono ricoverati in ospedale, quindi i più gravi tra quelli infetti: tra Marzo-Aprile è stata del 28,9%, tra Maggio e Giugno del 15,3%, tra Luglio e Agosto del 4,9%. La mortalità degli ospedalizzati per Covid, quindi, decresce nel tempo. Le spiegazioni sono molteplici: l’età media dei casi più bassa (34 anni contro gli oltre 60 di inizio epidemia), ospedali non sotto stress, ricoveri tempestivi che consentono ai pazienti di arrivare in ospedale in migliori condizioni e di iniziare subito anche i trattamenti, conoscenze sulle cure più avanzate.

#emergenza #coronavirus #fase3 #rimaniamoadistanza #estateitaliana #nuovanormalità #nofakenews #paviaunotv #itinerarinews #agenziacreativamente